home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Messa solenne per la festa di S. Biagio
Chiesa di S. Biagio di Cento (Fe), 3 febbraio 2009


1. Il testo evangelico appena proclamato dal diacono segue immediatamente il primo annuncio che Gesù fa della sua passione: "Il Figlio dell’uomo, disse, deve soffrire molto … essere messo a morte". In questo modo la parola di Dio ci dice che la passione e morte di Gesù continua nella passione e morte dei martiri.

È vero in grado eminente del martire quanto l’Apostolo dice di se stesso: "completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo" [Col 1,24].

Scopriamo pertanto, cari fratelli e sorelle, che identica è la sorte di Gesù e la sorte del suo discepolo-martire. Proprio ieri abbiamo ascoltato e meditato la profezia di Simeone, pronunciata in occasione della Presentazione al tempio di Gesù: "Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione" [Lc 2,29]. Poco prima il santo vecchio aveva detto di Gesù: "luce per illuminare le genti". Dunque, la persona di Gesù è al contempo luce che illumina e segno di contraddizione. Come è possibile? Lo spiega profondamente Giovanni nel prologo del Vangelo: "la luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno accolta" [1,5]. Nel martirio del discepolo del Signore accade lo scontro supremo, il tentativo supremo delle tenebre di spegnere la luce: della menzogna di contraddire la verità.

2. Cari fratelli e sorelle, viviamo molti secoli dopo il martirio di S. Biagio, ma i tempi nel quali viviamo confermano pienamente la parola evangelica e la profezia di Simeone: Gesù è luce che illumina le genti e nello stesso tempo segno di contraddizione. È difficile, e sarebbe troppo lungo evidenziare tutte le forme nelle quali è confermata la parola evangelica. Mi limito solamente a tre.

La prima è costituita dalle tenebre di una così iniqua distribuzione della ricchezza, da oscurare la luce della carità evangelica e dell’amore privilegiato di Cristo per i poveri. La grande povertà di intere popolazioni prive dei più elementari beni della sussistenza umana e distrutte dalle malattie ha il significato profondo di un’opposizione a Cristo da parte dei potenti, opposizione che esige e genera il martirio della carità.

La seconda è costituita dal tentativo di oscurare nella coscienza dell’uomo la luce delle due evidenze originarie: essere uomini è infinitamente più che essere animali; il matrimonio, base e sorgente di ogni socializzazione umana, è fra un uomo e una donna. Mai come in questa forma di contraddizione a Cristo si è vista all’opera quel potere della menzogna, che esige e genera il martirio della verità.

La terza è costituita da una concezione subdola della libertà pubblica secondo la quale a tutti è concesso di partecipare al dibattito pubblico, meno che ai cristiani come tali. Nel momento in cui entrano nella discussione pubblica, essi devono lasciare fuori le loro convinzioni cristiane. È la sfida più provocatoria che è lanciata alla luce del Vangelo: "senza Dio, senza Cristo si vive meglio!", che esige e genera il martirio della pubblica testimonianza.

3. Martirio della carità, martirio della verità, martirio della pubblica testimonianza: dove troverà il discepolo di Cristo la forza? Riascoltiamo la parola di Dio.

"Anche se agli occhi degli uomini subiscono castighi, la loro speranza è piena di immortalità". Il "martirio" comporta disprezzo, emarginazione. Il nuovo persecutore è il "politicamente corretto"; chi non vi si adegua è censurato in tutti i modi, e non raramente ridicolizzato. Il discepolo di Cristo può abbandonare il plauso della maggioranza, gli onori dei potenti della comunicazione, perché "la sua speranza è piena di immortalità". La comunione con Cristo basta.

"Questa è la vittoria che ha sconfitto il mondo: la nostra fede". "La fede conferisce alla vita una nuova base, un nuovo fondamento sul quale l’uomo può poggiare e con ciò il fondamento abituale… si relativizza" [Benedetto XVI, Lett. Enc. Spe salvi 8]. In questo il discepolo ha già vinto il mondo perché lo ha completamente relativizzato, perché se ne è liberato.

Cari fedeli, partiamo da questa celebrazione con tanta gioia nel cuore. La gioia semplice di chi ha ascoltato le parole di Gesù: "abbiate fiducia: io ho vinto il mondo" [Gv 16,33].