home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Giornata per la Vita
Basilica di S. Luca, 1 febbraio 2009


1. Cari fratelli e sorelle, la narrazione evangelica odierna mostra la verità di quanto Gesù ci ha detto domenica scorsa: "il tempo è compiuto; il Regno di Dio è vicino". Oggi possiamo costatare che nella predicazione e nell誕gire di Gesù l置omo esperimenta la vicinanza di Dio.

Di quale uomo si parla? "un uomo che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo". È un uomo che non è più padrone di se stesso, che ha perso la sua libertà, "posseduto" come è "da uno spirito immondo". Chi sia lo "spirito immondo" è chiaro al credente: è il Satana, il principe di questo mondo.

È forse questa una condizione dell置omo, quella di essere spossessato della sua libertà dal potere del male, lontana dalla condizione attuale? È questa un段mmagine dell置omo che non si adegua all置omo di oggi? Cari fratelli e sorelle, l誕postolo Paolo scrive ai Romani: " essi hanno cambiato la verità di Dio con la menzogna e hanno venerato e adorato la creatura al posto del Creatore, che è benedetto nei secoli" [1,26]. Ecco, miei cari, questo è il cuore del dramma umano: il non riconoscere Dio come nostro creatore, conduce l置omo al servizio delle creature. L誕ffermazione della propria autonomia negando la propria condizione di creature degrada e deturpa la nostra regale dignità.

La nostra quotidiana ed intima esperienza conferma la divina Rivelazione. Se guardiamo dentro al nostro cuore, non è difficile vederci inclinati al male ed incapaci di superare sempre i suoi assalti: espropriati, appunto, della nostra libertà vera che è capacità di fare il bene.

È dunque a questo uomo che in Gesù Dio si fa vicino, con due modi fondamentali avvertiti chiaramente da chi incontrava Gesù: "Una dottrina nuova insegnata con autorità. Comanda perfino agli spiriti immondi e gli obbediscono". I due modi sono dunque una "dottrina nuova insegnata con autorità", e "l弾sercizio di una potenza liberatrice".

Il primo modo. Cari fratelli e sorelle, la conoscenza della verità della verità circa se stessi, circa il bene ed il male è il primo dono che la vicinanza di Dio fa all置omo. È la prima condizione per rientrare in possesso della nostra dignità regale. Noi siamo liberi infatti nella misura in cui siamo sottomessi alla verità.

Ma quella di Gesù è una "dottrina nuova". Essa non ripete all置omo ciò che egli già conosce, o che tutti già dicono. È una verità che il cuore dell置omo non aveva mai prima percepito. La "novità" è la caratteristica fondamentale dell置niverso della salvezza inaugurato da Gesù. L置omo finalmente scopre l段ntera verità circa se stesso.

È dottrina "insegnata con autorità". Non si tratta di un'opinione fra le altre: ciò che Gesù ci insegna è semplicemente la verità; e la verità non la si discute, la si venera: non ci si pone al di sopra ma al di sotto di essa.

Cari fratelli e sorelle, la radice vera della perdita della libertà è il relativismo in cui viviamo.

Il secondo modo. Ma Gesù non ci insegna solo la verità circa il bene. Egli ci dona la forza di compierla; ci rinnova nell段ntimo mediante il dono dello Spirito; scaccia lo "spirito immondo" che ci tiene schiavo.

L置omo impara la verità intera circa se stesso da Cristo e la attua nella propria vita per opera dello Spirito Santo, che egli stesso ci ha dato.

2. Cari fratelli e sorelle, ci troviamo a celebrare i santi Misteri nella casa di Maria per la 31a Giornata nazionale per la Vita, che quest誕nno ha come tema "La forza della vita nella sofferenza".

La pagina evangelica illumina di luce splendida questo evento. Quanto è narrato nel Vangelo, mediante la Chiesa si compie anche oggi in mezzo a noi, nella nostra comunità nazionale. Nel nome della risurrezione di Gesù la Chiesa fa sentire la vicinanza di Dio all置omo; annuncia la "dottrina nuova" di Cristo ed in Lui opera per la vita dell置omo, di ogni uomo.

Cari fratelli e sorelle, una giovane donna è diventata in questi mesi il "segno di contraddizione" fra una cultura della morte ed una cultura della vita. Il suo corpo martoriato è divenuto la domanda drammatica rivolta ad ogni coscienza pensosa dei destini dell置omo: a chi appartiene l置omo? Chi può disporre della vita e della morte dell置omo? Chi è il padrone dell置omo?

Cari fedeli, la vicenda spirituale dell丹ccidente è giunta al capolinea: se la vita dell置omo non appartiene all置omo ma a Dio, nessuno ne può disporre, per nessun motivo; se la vita dell置omo appartiene all置omo, è coerente ipotizzare circostanze ricorrendo le quali, chiunque può disporre della propria vita o chiedere ad altri che si ponga termine alla medesima. L段llusione di poter edificare una dimora umana "come se Dio non ci fosse" doveva prima o poi portarci a questo punto. Nel corpo di questa donna, e nella sua sorte, è raffigurata l段cona della sorte dell丹ccidente..

Preghiamo perché il Signore doni sapienza ai nostri legislatori, così che sappiano per mezzo di norme giuste difendere il bene della persona, di ogni persona. Quanto a noi, cari fedeli, la vicinanza di Dio all置omo che la Chiesa ci dona, ancora una volta ci fa ripetere con sempre maggiore convinzione: "gloria di Dio è l置omo vivente, ma vita dell置omo è la visione di Dio" [S. Ireneo, Adv. Hereses IV, 20,7; SC 100/2, 648].